Lo Scarafaggio più Grande del Mondo

Per più scettici, Lo Scarafaggio più Grande del Mondo esiste. Non lo troverai certamente nel tuo appartamento di casa o nei tubi di scarico, ma la blatta gigante ha un nome ed una dimensione.

La scienza lo ha definito Titanus giganteus, ma è comunemente conosciuto come Coleottero Titano. La sua grandezza è pari a 16 centimetri, si trova prevalentemente in natura, nei boschi e maggiormente in Sud America.

Dove vive il Titanus giganteus

Il Titanus giganteus come ti abbiamo accennato, è certamente lo scarafaggio più grande al mondo. Ma questa tipologia di blatta morde? In realtà le sue mandibole e artigli sono così forti, che possono lacerare la carne umana.

Il Coleottero Titano si trova prevalentemente in Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù e Guiana. Nonostante sia un insetto piuttosto grande (16 centimetri), i turisti spesso si recano presso le foreste pluviali tropicali per ammirarlo.

Qualche curiosità sullo scarafaggio più grande al mondo

Ci sono tanti video da parte di esploratori, che hanno potuto ammirare e prendere con le proprie mani, lo scarafaggio più grande al mondo. Anche questa specie rientra tra le blatte volanti, ma con qualche piccolo particolare.

Infatti la sua caratteristica principale è quella di vivere in penombra poiché preferisce non farsi vedere. La sua unica uscita ha un solo obiettivo: fecondare la compagna che incontrerà strada facendo.

Presso le foreste, molto spesso l’insetto gigante si aggira attorno a degli alberi in cui si possono osservare dei grossi incavi, da cui si presuppone che lo stesso Coleottero Titano depositi, svezza e cresce le sue larve.

Il Coleottero Titano è pericoloso?

Fortunatamente il Coleottero Titano non è pericoloso. Qualora volesse attaccare, la sua possente corazza e forti mandibole così come i suoi artigli potrebbero ferire gravemente l’umano.

In questo documentario per esempio, si nota come il ragazzo si fa mordere appositamente dal Coleottero Titano, ma non per volontà dell’insetto. Infatti lui non aggredisce, ma si difende.

Chiaramente non siamo a conoscenza dell’intelletto dello scarafaggio gigante, ma possiamo immaginare che per natura, qualora si trovi di fronte qualcosa, in automatico tenterà di agganciare con le sue forti mandibole.

Una curiosità piuttosto ambigua riguarda proprio l’aspetto turistico, infatti sapevi che tanta gente che acquista questi esemplari (a patto che vengano imbalsamati) a cifre che si aggirano attorno ai €500?

Sembrerà assurdo ma è così. Infatti ci sono dei tour appositi, non troppo conosciuti, che ti suggeriranno i luoghi in cui poter scoprire lo scarafaggio più grande del mondo.

Uova di Scarafaggio in Casa

Credi di aver trovato uova di scarafaggio in casa ma non sai come toglierle o eliminarle definitivamente? Tanto per cominciare devi essere in grado di capire se è realmente come intuisci.

Riconoscere le uova che depositate dalle blatte non è affatto semplice, o meglio il problema è riuscire a trovarle. I blattoidei si annidano nei luoghi più improbabili, ma con po’ di costanza riuscirai a risolvere il caso.

Uova di scarafaggio: riconoscile in pochi secondi

Le uova di scarafaggio in casa sono un grandissimo problema. Ciò significa che ti troverai ad aver a che fare, con tantissimi (molteplici) insetti che ti costringeranno ad una sana disinfestazione.

Nonostante i blattoidei non mordono, il pericolo è sempre dietro l’angolo. Infatti questi insetti che vivono sostanzialmente nei posti sporchi, non sono sani portatori di igiene. Motivo per cui rischierebbero trasmissioni di malattie.

Purtroppo le blatte non depositano un singolo uovo, bensì un involucro chiamato ovoteca o più comunemente conosciuto come ooteca. Il danno più esponenziale è che quest’ultimo può contenere da un minimo di 20 fino a massimo 50 uova.

Differenzia l’ooteca dagli escrementi di scarafaggio

A volte far confusione è facile, infatti se ti stessi chiedendo come riconoscere escrementi di scarafaggio quello a cui devi pensare è che le feci sono nere e molto piccole, mentre l’ooteca è di color marrone scuro e relativamente lucida.

Inoltre individuare l’uovo di scarafaggio non è difficile, perché l’ovoteca è più grande degli escrementi (circa 1 centimetro o poco meno) e sembra quasi un chicco di riso.

Si effettivamente non ha un bell’aspetto, ma quello che ti sconvolgerà ancor di più, è il sapere che alcune tipologie di blatte possono deporre da un minimo di 10 fino a massimo 60 ooteche.

Come eliminare le uova di insetti in casa

Per eliminare le uova di insetti in casa ci sono due diverse soluzioni che ti suggeriamo di prendere in considerazione:

  1. Rompi le uova degli scarafaggi: abbi coraggio, prendi le ooteche che trovi e portale più lontano possibile dall’appartamento, poi rompile. Questa è la soluzione più immediata per prevenire la schiusura.
  2. Disinfetta l’area o la casa: l’intervento dei professioni è certamente il miglior metodo per non tener traccia di uova di scarafaggi in casa.

Hai già pensato a quale potesse essere la soluzione più veloce, ma soprattutto efficiente per eliminare le uova delle blatte? Ricordati che questi insetti possono causare la trasmissioni di malattie piuttosto pericolose.

Gli Scarafaggi sono Immuni alle Radiazioni?

Quante volte avrai sentito dire che Gli Scarafaggi sono Immuni alle Radiazioni? Ma soprattutto quanto spesso ti sei chiesto se fosse vero o se è classificabile come una delle tante leggende esistenti nel mondo.

Oggi finalmente ti spiegheremo il motivo per cui questi insetti sono resistenti alle radiazioni e perché al contrario di un normale essere umano, loro potrebbero sopravvivere anche ad una esplosione nucleare.

Perché i blattoidei sono resistenti alle bombe nucleari?

Sembrerà assurdo ma è così, i blattoidei sono resistenti alla bomba nucleare. Quest’ultimo ordigno ricordiamoci che sarà capace di liberare nell’aria, tantissima energia negativa e nociva per l’umano e gli esseri viventi.

Tranne appunto, per i blattoidei. Una volta innescata la bomba nucleare, il suo processo porterà delle mutazioni genetiche. La fortuna degli scarafaggi sta nella loro anatomia. Quest’ultima li aiuta a sopravvivere ai composti rilasciati dalle radiazioni.

Chiaramente va sottolineato che questa tipologia d’insetti non sono del tutto immuni alle radiazioni, bensì dopo una serie di molteplici dosi, gli stessi potrebbero morire.

La disinfestazione degli scarafaggi? Non è semplice

Dal momento in cui scopri che in casa tua i blattoidei si sono annidati da qualche parte, la prima cosa che ti viene in mente è quella di chiamare una ditta per la disinfestazione.

In realtà nulla è così semplice, perché affinché l’operazione contro questi insetti vada a buon fine, le ditte di riferimento dovranno utilizzare
composti specifici come i fosforganici e piretroidi di sintesi.

Va dietro che dietro ogni curiosità e resistenza degli scarafaggi alle radiazioni c’è un altro motivo più grande: questi insetti esistono da oltre 300 milioni di anni, ciò li ha portati ad essere forti e propensi al cambiamento, ma non immortali.

Nel caso in cui non lo sapessi, proprio perché questi insetti sono secolari, a sua volta hanno resistito a fenomeni e cataclismi molto più gravi delle bombe nucleari.

Lo Scarafaggio può Vivere Senza Testa

Sembrerà assurdo ma è così, lo Scarafaggio può Vivere Senza Testa e riuscirebbe a farlo per un periodo di tempo che va, dai sette ai quattordici giorni circa. Ma come ci riescono?

Sicuramente per noi essere umani sarebbe impossibile vivere senza testa, perché proprio da quest’ultima riusciamo a vivere grazie alla rete arteriale, e dalle fessure quali bocca e naso.

Scarafaggi privi di testa: come riescono a vivere?

Abbiamo assistito a diverse curiosità riguardo i blattoidei, per esempio l’ultima volta abbiamo parlato del motivo per cui muoiono a pancia in su. Oggi invece vi spieghiamo perché lo scarafaggio può vivere senza testa per diverse settimane.

Tutti sappiamo più o meno che questi insetti sono famosi per la loro longevità, e proprio per questa loro caratteristica, che qualora non avessero testa riuscirebbero ugualmente a vivere.

A differenza dell’umano le cui vene e arterie sono essenziali per la sopravvivenza, per gli scarafaggi non è affatto così. Infatti loro riescono ad utilizzare le fessure esterne poste sul ventre.

A questo punto sorge spontanea un’altra domanda: se gli scarafaggi sopravvivono anche se privi di testa, perché dopo qualche settimana muoiono?

Il motivo è piuttosto semplice, senza testa non riuscirebbero a guardare ciò che accade attorno a se, di conseguenza non potrebbero cibarsi e quindi morirebbero per assenza di nutrizione.

L’esperimento sulla decapitazione delle blatte americane

Qualcuno potrebbe pensare che la sopravvivenza delle blatte in assenza della testa sia solo una leggenda metropolitana. In realtà l’entomologo conosciuto come Christopher Tipping del college americano di Delaver ha fatto un esperimento.

Il dottor Tipping ha preso come esemplari gli scarafaggi americani denominati “Periplaneta americana“. Per verificare quanto immaginato, il ricercatore ha dovuto decapitarli e metterli in un recipiente per constatare il comportamento.

Effettivamente gli insetti sono sopravvissuti per un periodo di tempo pari a due settimane. A confermare la tesi e l’esperimento è stato persino il
biochimico e fisiologo Joseph Kunkel, dell’università del Massachusetts.

Lui stesso ha aggiunto che i blattoidei qualora perdessero la testa, non accennerebbero neppure alcuna perdita di sangue e dunque non influirebbe sull’ossigeno e sulle sostanze nutritive degli scarafaggi.

Gli Scarafaggi Mordono?

Una delle domande più frequenti sulle blatte è “ma Gli Scarafaggi Mordono?”. La risposta in realtà vi sorprenderà, non per via del loro morso, bensì dalla potenza che questi insetti sono in grado di generare.

Di studi condotti sui blattoidei ce ne sono veramente tanti: dall’intelligenza degli scarafaggi alla loro tipologia, fino ad arrivare a chiedersi se sono capaci di mordere.

Il morso dello scarafaggio: lo studio condotto dagli zoologi di Cambridge

Per rispondere alla domanda se gli scarafaggi mordono o no, vi riportiamo uno studio condotto direttamente da Tom Weihmann e dal suo team di zoologi presso l’Università di Cambridge.

Il risultato è stato a sua volta riportato sul magazine Plos One, che ha lasciato tutti a bocca aperta. Infatti, secondo le analisi le blatte americane non solo hanno la capacità di mordere, bensì ci riuscirebbero con una forza inaudita.

Il dottor Weihmann ha spiegato infatti, che la tipologia americana di scarafaggio, qualora venisse in qualche modo “urtato”, attiverebbe sulla sua mascella delle speciali fibre, la cui forza sarebbe 50 volte superiore a quella del suo peso.

«In proporzione, significa che la blatta americana può esercitare una forza cinque volte maggiore di quella di cui sono capaci generare gli esseri umani con la loro mascella» .

Come avviene la trasmissione di malattie di uno scarafaggio

Nonostante la forza che l’esemplare di scarafaggio americano potrebbe esercitare con un suo morso, gli studi dichiarano che tale comportamento non avverrebbe nei confronti di un essere umano, bensì solo in materiali.

Oggetti tra l’altro non affatto leggeri, tanto che lo stesso
Weihmann ha dichiarato che la mascella dell’insetto sarebbe in grado di tritare anche materiali come il legno (che è piuttosto duro).

A questo punto ti starai chiedendo: se gli scarafaggi non mordono l’umano, come avviene la trasmissione delle malattie? Semplice, attraverso il contatto indiretto.

Ipotizziamo che i blattoidei annidati in casa tua abbiano avuto contatto con cibo, posate o qualsiasi cosa che a sua volta toccherai anche tu, questo è un esempio perfetto di come le malattie possano essere trasmesse.

Vista la pericolosità di quest’ultime, il consiglio che possiamo darti è quello di disinfettare l’appartamento qualora tu abbia visto uno o più scarafaggi, per evitare un eventuale contagio.

Ora che hai saputo tutto sul morso dei blattoidei, a meno che tu non sia allergico, saprai certamente che ucciderli da vicino non sarà un pericolo. Fino ad oggi, come li allontanavi da casa tua?

Gli Scarafaggi Sono Intelligenti

Sulle blatte crediamo di sapere tutto, in realtà le curiosità nascoste sono molte. Per esempio, lo sapevi che gli scarafaggi sono intelligenti? Alcuni ricercatori scientifici lo hanno affermato dopo aver effettuato dei test.

Gli esemplari blattoidei sono veramente molteplici, ma per effettuare questa indagine gli esperti della Vanderbilt University (Nashville – USA)hanno raccolto un esemplare particolare “il Leucophaea maderae“.

Gli scarafaggi sono più intelligenti dopo il tramonto: l’esperimento dei ricercatori

Nel caso in cui non lo sapessi, che gli insetti come lo scarafaggio sono longevi non c’è ombra di dubbio, ma che usufruiscano di più quoziente intellettivo solo dopo il tramonto, questa potrebbe risultare una bella scoperta.

Il primo motivo è che le blatte sono piuttosto veloci a riprodursi, ma soprattutto si ambientano piuttosto facilmente e di conseguenza possono annidarsi dappertutto.

Quello che però fa strano è il risultato dello studio condotto dai ricercatori appartenenti all’istituto universitario di Nashville, in Tennessee, secondo il quale hanno suddiviso l’esperimento in due fasi.

L’esperimento diurno

Inizialmente, nella fase diurna, i ricercatori hanno istruito gli scarafaggi a riconoscere un’essenza a loro piacimento, tra vaniglia e menta. Gli insetti hanno preferito la prima, probabilmente per le quantità di zucchero più elevate rispetto alla seconda.

Dopo mezz’ora il test è stato ripetuto, ma questa volta i blattoidei si sono rivelati piuttosto confusi. Sintomo che la loro memoria durante le ore mattutine è a breve termine.

L’esame ripetuto la sera

Abbiamo annunciato precedentemente, che il risultato ha confermato che gli scarafaggi sono intelligenti, ma ancor di più la sera. Perché mai? L’esperimento è stato ripetuto nuovamente, ma questa volta nelle ore pomeridiane / serali.

A cambiare questa volta non sarebbe stato soltanto l’orario dell’esperimento, bensì, gli scienziati hanno variato anche gli ingredienti degli aromi introducendo più zucchero alla menta e più sale alla vaniglia.

Dopo aver riconosciuto i rispettivi odori, gli scarafaggi con la loro intelligenza hanno preferito la menta (questa volta perché più zuccherata) e hanno così ricordato tale scelta per 48 ore rispetto alla mezz’ora del mattino.

La ricerca pubblicata sulla rivista PNAS

Un tale esperimento non poteva non esser pubblicato da qualche parte. Così i professionisti lo hanno fatto presso la Proceedings of the National Academy of Sciences il cui acronimo è (PNAS).

Come si è intuito, gli scarafaggi risultano essere intelligenti, ma soprattutto molto lucidi, svegli, ma soprattutto capaci di immagazzinare una elevata quantità di informazioni durante le ore notturne.

Perché gli Scarafaggi Muoiono a Pancia in Su

Nonostante le blatte siano insetti poco apprezzati, ci sono curiosità piuttosto interessanti, ad esempio ti sei mai chiesto Perché gli Scarafaggi Muoiono a Pancia in Su?

Più delle volte, quando capita di girare in cucina e trovare il nostro amico a zampe larghe, ti sarai accorto che tendenzialmente muoiono o si ribaltano senza un apparente motivo.

Blatte ribaltate: perché succede?

Partiamo dal concetto base, gli scarafaggi che troviamo in casa sono prevalentemente tropicali, ciò significa che di natura sono abituati a foreste ricche di rocce e frammenti piuttosto ruvidi.

Con le loro zampe in quell’ambiente riuscirebbero a muoversi a proprio agio, al contrario di quando si trovano nei nostri appartamenti le cui superfici sono lisce e senza appigli.

Ciò rende complicato ogni loro spostamento, al punto di trovarsi in difficoltà e capovolgersi senza poi riuscire a rimettersi in posizione prona. Se questo è chiaro passiamo al perché gli scarafaggi muoiono a pancia in su.

Scarafaggi morti ribaltati: le cause e i motivi

Trovare i blattoidei in casa non è mai una scena poi così piacevole, specialmente se durante la visita ci accorgiamo che uno di loro è morto e in posizione supina. Ma perché si capovolgono?

Ciò accade maggiormente per una morte causata da insetticidi. Queste sostanza nate con lo scopo di uccidere gli insetti (come appunto le blatte), allo stesso tempo impedisce agli scarafaggi di usufruire dell’enzima
chiamato acetilcolinesterasi.

In assenza di quest’ultima funzione particolare, i blattoidei iniziano ad avere spasmi muscolari (proprio come quelli degli essere umani) che a sua volta li costringe a ribaltarsi.

Ecco svelato il motivo per la quale gli scarafaggi muoiono a pancia in su. In quel momento non potendo controllare i muscoli, non gli resta che arrendersi alla posizione che la natura li costringe ad assumere.

Ammettilo, non lo avresti mai pensato che anche le blatte potessero avere queste contrazioni involontarie causate dall’assenza di impulsi nervosi. Quante volte ti è capitato di trovare blatte ribaltate?

Gli Scarafaggi Possono Volare

Molto più spesso la gente inizia a chiedersi se Gli Scarafaggi Possono Volare e in che modo è possibile eliminarli definitivamente. Anche tu hai problemi in casa con questi insetti?

Effettivamente seppur possa sembrare inverosimile, anche i blattoidei (non tutti) sono capaci di volare, nonostante le loro ali non vengono aperte molto frequentemente.

Gli scarafaggi volanti esistono? Ecco come si chiamano

Gli scarafaggi che possono volare hanno un nome: blatta americana. Tra quelle che risiedono in Italia, questo insetto ne fa parte ed è capace di prendere il volo.

Allo stesso tempo è facile riconoscerla per alcuni particolari non indifferenti:

  • Lunga dai 35 ai 40 millimetri
  • Colore marrone ma che somiglia ad un rosso lucido
  • Le ali del maschio superano perfino il corpo, quelle della femmina a malapena toccano l’addome
  • Vola a distanze sia corte, che lunghe

Purtroppo oltre ad essere molto veloce e quindi difficile da uccidere, lo scarafaggio americano è uno dei peggiori in quanto sono in grado di infestare appartamenti e attività commerciali.

Ti consigliamo di verificare sempre i luoghi preferiti dalle blatte e di ricorrere ai metodi naturali o in quelli peggiori alla disinfestazione, per eliminarli una volta e per tutte.

Insetto o blatte volanti?

In natura esistono tantissimi insetti volanti simili a scarafaggi, quindi sei proprio sicuro che sia una blatta? In ogni caso le alternative per eliminarle sono simili tra loro.

Gli scarafaggi volanti si presentano in qualsiasi periodo (soprattutto in estate) e qualsiasi ora del giorno (maggiormente la notte), ed ecco qualche specie oltre quella americana:

  • Blatta australiana
  • Blatta del Suriname
  • Scarafaggio nero
  • Blatta asiatica

Per fortuna nostra, nel Bel Paese gli unici blattoidei volanti sono quelli “americani”.

Nonostante ciò, ti consigliamo vivamente di controllare sempre il tuo appartamento, soprattutto i luoghi bui come le cantine, il bagno e la cucina, perché questi sono i loro ambienti preferiti.

Meglio una blatta volante o di “terra”?

Una volta assodato che gli scarafaggi possono volare, un’altra curiosità assalirà i tuoi pensieri “meglio una blatta con le ali o una di terra?.

La risposta seppur possa sembrar scontata, in realtà non lo è. I blattoidei volanti sono più lenti di quelli che strisciano.

Il motivo è legato al fatto che le loro ali (molto piccole) non gli permettono di raggiungere alte quote, ma solo brevi distanze. Quelli striscianti invece, possono muoversi 50 volte più rapidamente.

Ma le curiosità sulle blatte volanti non finisco qui: sapevi che per alzarsi in volo usano solo una delle due ali? In più quest’ultime si trovano al di sotto del corpo, in una posizione quasi impercettibile.

Scarafaggi in Casa Dove si Annidano

Gli scarafaggi in casa non sono mai graditi, in tanti si domandano in quale luogo si annidano, ma soprattutto come riuscire a fermare la loro riproduzione?

Grazie alle loro dimensioni piuttosto ridotte, le blatte trovano sempre un modo per rifugiarsi nei luoghi più impensabili, ma soprattutto piccoli (fessure, crepe e negli angoli più nascosti).

Quali sono i posti preferiti dalle blatte?

Quando si trova uno scarafaggio in casa, il primo pensiero è quello di ucciderlo e fin qui siamo tutti d’accordo. Quello che però qualcuno non pensa è “da dove è sbucato fuori?”.

Se succedesse quella volta tanto, allora potrebbe non essere un problema di cui allarmarsi, ma se i blattoidei hanno già annidato un qualche posto della casa, allora potrebbe occorrere una disinfestazione.

A questo punto ricorrere ai rimedi contro gli scarafaggi in casa ha poco senso, piuttosto è importante individuare il loro nido e dove hanno depositato le uova. Da dove iniziare la ricerca?

Scarafaggi in casa: 3 posti in cui controllare

Ti sei mai chiesto se quelle antenne piuttosto sottili avessero un senso più profondo per gli scarafaggi? Ebbene si, proprio grazie a quelle captano cibo a materiale per loro “commestibile“.

Qualche altra caratteristica che potrà tornarti utile per trovare e annientare le blatte in casa:

  • Amano i luoghi bui;
  • Sono attratti dal calore;
  • Impazziscono per il cibo;

Insomma ti sarai pur fatto un’idea sui luoghi in cui si annidano questi insetti eterometaboli? Se non è così, ti aiutiamo noi.

1. La cucina

La cucina è il primo in luogo in assoluto da controllare ed è il loro preferito. Hanno tutto quel che amano: il calore, il cibo e i suoi odori e sono posti bui.

Fai la tua ricerca nei posti più impensabili, dagli stipetti in cui detieni gli alimenti al retro del frigo, dalle crepe dei mobili fino all’interno della macchinetta per il caffè.

2. Il bagno

Il bagno è un altro degli ambienti molto frequentato dalle blatte. Ci sono pur sempre le tubature di scarico che generano quegli “odori” sgradevoli da cui sono attratti gli scarafaggi.

Anche in questa stanza controlla dietro gli armadietti e nei luoghi in cui non vi è luce, perché proprio lì tenderanno a lasciare le proprie uova per moltiplicarsi.

3. La cantina

Se non c’è un posto in cui è più facile trovare gli scarafaggi in casa è proprio la cantina. Se ne hai una nel tuo appartamento, allora ti conviene controllare approfonditamente.

Perché sarebbe ritenuto l’ambiente più amato dalle blatte? Per il semplice fatto che è la stanza che viene pulita meno e maggiore sarà la “sporcizia”, più saranno le possibilità di trovare questi insetti.

Hai trovato scarafaggi in casa e ora sai dove si annidano? Bene, è arrivato il momento di iniziare la ricerca e se ne trovassi più di uno, forse è meglio effettuare una disinfestazione.